Home » Release » Release: Lost Love in Times ep 01-14

Release: Lost Love in Times ep 01-14

Al lavoro mi hanno affidato un compito barbino, ovverosia estrapolare dal programma di contabilità le fatture di tutti gli anni possibili, cioè dal 2017 al 1996, ma, poiché è un programma talmente geniale da non includere automaticamente anche i nomi dei fornitori, devo inserirli tutti io a mano. Sigh. Sto procedendo a ritroso e le fatture, invece che diminuire, aumentano: il 2007 e il 2006 ne hanno più di 600 contro le 350-400 degli anni prima, e sto sinceramente iniziando a odiarli. Per fortuna ora sto facendo il 1998 e domani dovrei finire, ma mi sono accorta che le cifre ora sono in lire ed Excel le legge in euro. Ma passiamo ad argomenti più belli e allegri.

C’è sempre un po’ di emozione e di trepidazione quando si comincia qualcosa di nuovo, come anche un po’ di paura di fronte all’ignoto e magari uno sporadico “ma chi me lo ha fatto fare?”. Be’, credo proprio che la seconda parte non si applichi affatto ai nostri strumenti ludici, in questo caso ai drama; anzi, personalmente nutro sempre molta curiosità: spero che anche per voi sia questo l’approccio dinanzi a Lost Love in Times. È uno storico, cosa che a me piace tanto, e un fantasy, altra cosa che apprezzo, anche perché lo è leggermente di più di un classico coreano. C’è vera magia all’opera in questi primi 14 episodi, e tanta carne che viene messa al fuoco, in particolare attorno alla morte di uno dei principi di Wei (sono otto, e questo mi ricorda Scarlet Heart e Moon Lovers, rendendomi la serie più gradita già in partenza. Quale sarà il vostro preferito?). In questa indagine serrata, però, c’è anche spazio per l’amore, che è il motore di partenza di tutta la storia. Se Qingchen non avesse voluto salvare Ling, dopotutto, non ci sarebbe stato alcun viaggio nel tempo.

I sub ita arrivano a tempo con tre tipi di raw diverse: personalmente consiglio di scaricare le 720p di DramaFever, il cui vantaggio è non avere i sottotitoli cinesi hardsubbati, come invece capita a molti drama cinesi. Ho dato anche un’aggiornata alla guida dei sotfsub (sudando profusamente e imprecando come uno scaricatore di porto perché il codice html non voleva funzionare, e alla fine ho dovuto ricorrere a mezzi burini – chiyako ne è testimone) pulendo qualcosa e mettendo il download dei flussi video, che mi ha aperto un mondo quando l’ho scoperto.

E ora, vi lascio alla visione, a farvi catturare dal paesaggio, dal deserto, dai costumi, dai colori di Wei.

Annunci