Home » Chi siamo e policy

Chi siamo e policy

Il TFPA Subbing Team nasce ufficialmente il 16 aprile 2015 terminata la traduzione di Scarlet Heart e con la traduzione di Gossip Girl: Acapulco in corso. Il primo progetto iniziato ex-novo dal neonato fansub è l’acclamato Queen Seondeok.

Il gruppo ha preso il nome dalle iniziali del forum a cui inizialmente facevamo capo, ma in realtà significa To Far Places Ahead, “verso luoghi lontani davanti a noi”, ma potreste anche interpretarlo come “Tutte in Fissa Per Alcheon” (o anche no).

Alcheon

Il nostro staff è formato da sole due persone:

  • ChoHyeri, la fondatrice, fan di IU e appassionata di lingue: al giapponese, che l’accompagna dalla tenera età di 12 anni, quando comprò per caso un numero di Japan Magazine recante le tabelle di hiragana e katakana, si sono aggiunti con il passare degli anni un amore viscerale per l’inglese, le basi del francese, qualche rudimento di spagnolo e regole grammaticali vaghe e intuite di coreano (di cui però conosce tutti i jamo). Mentre culla il sogno di diventare traduttrice di libri di professione, sfoga la sua passione in ogni occasione possibile, dai manga su Mangaland, alle fanseries, ai sottotitoli. Nonostante la formazione da ragioniera, ha dentro di sé un animo creativo che si riflette in molti campi diversi: è attrice amatoriale e sceneggiatrice dalle idee folli, aspirante scrittrice, raramente disegnatrice, simil giornalista quando capita, oltre ad essere appassionata di tarocchi, lettura e Saturno.
  • chiyako92, appassionata di lettura, scrittura e Corea, scanlator c/o Mangaland (di cui è fondatrice), Wikipediana, disegnatrice per hobby c/o DeviantArt, avida lettrice e amante della vita e della natura, dall’animo matto e dalla coccola facile. Si interessa di tutta una varietà di argomenti, dalle farfalle alla filatelia, dalle lingue all’astrologia, alla mitologia greca, fino alle ville e ai cimiteri abbandonati. Dopo aver visto Dream High sulla TV italiana, inizia a divorare drama il 31 dicembre 2013. Alla costante ricerca di qualcuno con cui condividere la sua passione per i drama (a parte sua sorella e – in parte – sua madre), e non riuscendo a intavolare il discorso con le amiche causa impegni della vita (però ci prova, eh… ci prova sul serio!), ha iniziato una personale crociata per aumentare le voci dramiche su Wikipedia, sperando che ottengano più risalto e attenzione. Funziona? Chissà…

Di solito lavoriamo in solitaria, ma uniamo le forze per i progetti più lunghi, riuscendo a fare un episodio in due giorni se ce la mettiamo tutta. Preferiamo non avere una coda lunghissima di progetti futuri, ma aggiungerne di nuovi quando i vecchi sono stati conclusi: i primi che annunciamo sono i primi che facciamo, così si evitano attese infinite.

Ci dedichiamo principalmente a drama coreani, ma a volte sconfiniamo anche in serie occidentali poco conosciute. Chissà perché, chissà come mai, sembra che il nostro marchio di fabbrica siano i drama storici chilometrici che, proprio per questo, molto spesso nessuno fa, ma che riescono a regalarci forti emozioni e arricchiscono il nostro bagaglio culturale. E poi, a chi non piacciono gli hanbok?
Questo non significa che facciamo solo questo, anzi! Amiamo spaziare tra generi, lunghezze e paesi diversi, se ci sono i sottotitoli in inglese già pronti.

Teniamo a ortografia e grammatica, e ci impegniamo per offrirvi sottotitoli fluidi e coerenti, e permettervi di godere della migliore esperienza di visione possibile. Siamo comunque umane e qualche errore può scappare: in questo caso, non esitate a contattarci!

Nel caso vogliate linkarci, questo è il nostro bannerino:
Banner

POLICY

  1. Amiamo i drama e siamo certe sia lo stesso anche per voi. Nel condividere questa passione con altri, vi chiediamo di non pubblicare il link diretto ai sub, ma di rimandare alla pagina della serie qui sul sito: ci piace sapere cosa pensino le persone del nostro lavoro, è uno scambio di opinioni che permette di crescere e ci motiva.
  2. Non usate i nostri sub per hardsub e non togliete i crediti, rispettate noi e il nostro lavoro. Anche se non siamo pagate, dà fastidio vedere ciò su cui si è speso del tempo prezioso attribuito ad altri o ridistribuito senza crediti!
  3. Se annunciamo un progetto, è perché ci piace e ci ispira. Non vogliamo far concorrenza a nessuno, nel caso fosse già stato tradotto. Similmente, questo non vieta a un altro gruppo di tradurre di nuovo un progetto che abbiamo già fatto noi. Chiediamo solo che lo ricominci dal primo episodio, anche nel caso la traduzione da parte nostra fosse ancora in corso.